lunedì 31 dicembre 2012

2013

Per il nuovo anno vi auguro Buone Letture!



E vi saluto con una foto ALLEGRISSIMA scattata un po' più di un anno fa!


giovedì 13 dicembre 2012

Belle teste in vallata!

Sabato scorso sono fuggita in "alto" alla ricerca di luoghi tranquilli per scattare alcune fotografie che esporrò questo fine settimana in una mostra organizzata per il Natale che sta arrivando.

Con l'occasione, sapendo che certi posti coincidono con quelli presenti in un libro che ho letto poco tempo fa, di una scrittrice che abita nella mia vallata (che tra l'altro ha due splendide bimbe con dei bei "musetti" simpatici da fotografare :) ), ho attirato madre e figlie sotto le mie "grinfie" per sottoporle all'occhio della mia Nikon. ;)
E così, oggi, ho a disposizione un ritratto della suddetta scrittrice da pubblicare qui, pubblicizzando il suo libro e la sua iniziativa natalizia!! :)


Questo il link dell'iniziativa, all'interno del suo blog!

E questo il viso sorridente di Sara! :)


sabato 10 novembre 2012

At last... At least...!

Alla vigilia di un nuovo "outing" del monologo concludo la pubblicazione del progetto.
Adesso forse è più chiaro l'utilizzo della parola "outing"! ;)

Da domani sarà possibile visitare la mostra che è stata allestita presso il Teatro Mattarello di Arzignano(VI).

L'esposizione sarà inaugurata in occasione dello spettacolo "Vecchia sarai tu" con Antonella Questa e rimarrà aperta presso l'atrio del teatro, per culminare nella serata del 23 novembre con la relativa performance del monologo di A.

Così viene presentato il connubio tra monologo teatrale e la sua trasposizione fotografica:
Il progetto nasce dall'incontro tra rappresentazione concettuale, in un certo senso vocale, e rappresentazione visiva. Incontro tra il monologo di A (da “Crave” di Sarah Kane) e la fotografia di A(ngelica Lazzaro). L’idea nasce dall'ambiguità concettuale del testo in lingua originale (inglese), in cui la declinazione di genere non compare mai, ambiguità che vuole diventare anche visiva. Il percorso fotografico semina ambiguità sul 
genere della voce narrante, apparentemente inequivocabilmente identificabile con la figura maschile, così che il pubblico, immagine dopo immagine, sia lentamente o bruscamente accompagnato in un capovolgimento di prospettiva. Voce narrante maschile, di quella figura che apre questo percorso, o voce narrante femminile, di quella figura che chiude questo percorso? O voce narrante di quella figura così prepotentemente femminile che accompagna il pubblico in tutto il suo percorso? Amore di un uomo per una donna? Amore di una donna per un uomo? Amore di una donna per una donna? Da un testo senza declinazioni di genere all'immagine di un assoluto eterno indomabile incondizionato inarrestabile irrazionale razionalissimo costante infinito amore in tutte (o quasi) le sue possibili declinazioni.
(V.)







Buona visione! :)

martedì 21 agosto 2012

Quasi al termine...

A un anno di distanza del progetto mi ritrovo oggi a rileggere il testo con malinconia.
Ripensando all'estate scorsa e a quello che sta accadendo quest'anno.
Sempre un tumulto continuo, la mia esistenza.
Progetti fotografici fatti e da fare non mancano mai, il tempo di inserirli qui per bene dovrò prendermelo.

"Ma quelli continuano a farmi fare stupidaggini" è pubblicato quasi interamente, l'aggiornamento di oggi è il penultimo.

Con la prossima pubblicazione vedrete tutte le foto, e con loro l'interpretazione personale data al testo.

Questa una delle foto che più mi piace...
Voi, vorreste mai dimenticare chi siete?


venerdì 6 luglio 2012

A volte capita.

A volte capita che scrivi.
Raccogli le tue parole.
E poi decidi di farle leggere.


A pagina 8 e 9 alcuni miei pezzi, che amo chiamare 'monologhi'.




giovedì 14 giugno 2012

Decisioni

Quando cominciai questo progetto avevo il desiderio di inserire (simbolicamente) due persone importanti.

La prima era nella decima foto.


  La seconda è nell'ultima pubblicata oggi.


" e dopo che mi hai detto ancora una volta di no continuare a chiedertelo perché anche se credi che non lo voglia davvero io lo voglio veramente sin dalla prima volta che te l’ho chiesto "

giovedì 24 maggio 2012

Avanti col monologo!

Ultimamente il tempo per aggiornare il blog è stato proprio nullo!
Ma oggi mi sono presa del tempo in questa pausa pranzo per aggiornare con più di una foto il monologo!

E per oggi mi fermo qui: E CHIEDERMI CHI SEI MA ACCETTARTI CHIUQUE TU SIA.






PS. In questa foto ci sono anch'io, qualcuno riesce a vedermi? :)

mercoledì 25 aprile 2012

lunedì 9 aprile 2012

Confess your love





So tell me now where was my fault in loving you with my whole heart?

  
 

Lead me to the truth and I will follow you with my whole life

giovedì 15 marzo 2012

Notizie random

Fonte
Ormai il marketing diventa sempre più aggressivo. Sono lontani anni luce i tempi in cui per farsi pubblicità bastava solo “mostrare” qualcosa che richiamava il nome dell’azienda, questo ora non basta più. È probabilmente questo uno dei motivi per cui i dirigenti di un' azienda hanno lanciato questa “innovativa” modalità per dare visibilità al proprio marchio: un tatuaggio indelebile  del marchio in cambio di uno sconto del 20 per cento spendibile sui prodotti dello stesso marchio.
L’idea è venuta  alla “Marc Ecko Enterprises”, un gruppo che fa parte della “Lifestyle&Entertainment”, che è proprietaria di alcuni marchi d’abbigliamento molto famosi e apprezzati  tra i giovani. In pratica in cambio di un prezzo minore per l’acquisto di un prodotto si creano dei clienti che diventano veri e propri manifesti pubblicitari viventi e perenni. Ecco cosa prevede l’offerta.
Viene offerta la possibilità di ottenere uno sconto del 20 per cento a tutti coloro i quali saranno disposti a farsi tatuare sulla propria pelle uno dei due logotipi del marchio. Coloro che si mostrano interessati all’offerta, devono scaricare i loghi dal sito internet dell’azienda per poi presentarsi alla “Ecko Stores”,  ed esibire il marchio. Si può scegliere tra un rinoceronte e un paio di forbici.
L’azienda, ha già caricato sul proprio sito internet le foto dei primi “acquirenti” di questa speciale offerta. Se qualcuno poteva pensare che si fossero limitati a farsi tatuare i loghi in parti poco visibili si sbaglia di grosso. Difatti dalle foto si può vedere che nessuno ha badato a risparmiare a concedere parti del corpo anche molto visibili. Tattoo disegnati su spalle o pettorali, ma anche su zone visibili delle braccia, dalle dimensioni che sicuramente non possono definirsi minime. Nata quasi come un provocazione, la nuova forma di marketing proposta dall’azienda conferma ancora una volta la passione sproposita che hanno gli americani per i tatuaggi. Intanto in Europa già si pensa a chi potrà seguire l’esempio di questa “creativa iniziativa”.


Ammetto che tempo fa, quando avevo sentito la notizia ho subito pensato: 'Dai, nessuno lo farebbe mai!'

E invece, in America 1 persona su 4 ha 'aderito' all'iniziativa!



MAPPERFAVORE!!!!

Io ammetto di essere profondamente fissata col fatto che, se ti fai tatuare qualcosa sul corpo, deve avere un significato personale, ma mai, e dico MAI, permetterei a un qualsiasi Brand di utilizzare il mio corpo come pubblicità!

Voi lo fareste?


 Rimanere unici senza rimanere soli, scive 'Repubblica', ma non sono l'unica che preferirebbe rimanere 'sola' piuttosto che 'amalgamarsi' in questo modo, vero?






domenica 4 marzo 2012

Diario Greco, parte 5

Tornare indietro e rivedere certe foto a volte è un po' doloroso. 
Vedere immagini del mare è un po' doloroso.
Mi sono serviti mesi prima di riprenderle in mano e 'chiudere' il diario greco.
Ma una promessa, è una promessa.




  

  

venerdì 24 febbraio 2012

Io e Robert Capa

Era da giorni che cercavo di guardare le foto che compaiono in questa pagina di Focus.

Finalmente stasera ci sono riuscita e volevo segnalare il link anche qui!

Interessante, vero? :)

L'ultima delle dieci foto appartiene a Robert Capa, fotografo ungherese vissuto nella prima metà del '900.

E sapete che io e Robert abbiamo una cosa in comune? :)

Entrambi abbiamo scattato delle foto a Troina, paese di montagna(del quale ho già pubblicato foto)  situato in provincia di Enna, a più di 1100 metri sul livello del mare. Ci siete mai stati?

Questa la foto di Capa, che ritrae un contadino siciliano mentre indica la strada a un soldato americano (risale ai primi giorni di agosto del  1943)



Questa invece la foto di Angelica che ritrae, 67 anni dopo, gli stessi monti, senza soldato o contadino, ma dove il passaggio dell'uomo è evidente!


lunedì 20 febbraio 2012

martedì 14 febbraio 2012

Dialoghi feisbukkiani




 

A:  Ecco si! Mi pare una scena familiare! :)
L: Nooooooooooo,non mi dire che fai questo a P...
A: Vorrai forse dire... Non mi dire che P fa questo a te... -_-' =P
L: No no,quello che ho scritto è giusto... Lo so che mi maltratti P.
P: Le donne non capiscono la concentrazione nervosa che occorre per seguire una partita di champions !!!
L:  ‎100000000 mi piace per P!!!
A: Matusentiquestidue! Allora sono proprio la morosa migliore del mondo, caro P! A starti lontano quando 
     stai guardando in tv una qualsiasi partita di calcio! =D   
L: Beh,sei la migliore se gli porti anche una birra e da mangiare finchè guarda la partita.
A: Ho detto morosa, mica cameriera! :)
P: Facebook é stato creato apposta per tenere impegnate le donne durante le partire così non disturbano :-) 
A: Beh... Ma vai tranquillo! Ho una lunga serie di cose che mi tengono impegnata :)

A: Fotografia, amiche, yoga, facebook, blog, zii, fratello, cuginetti, amanti....

A: Ops... No.. Forse gli ultimi non avrei dovuto rivelarli... ;)
P: Mercoledì gioca il Milan. Ti voglio a casa mia.



E con questo... Auguro a tutti un Buon San Valentino!





Ah, e ai tifosi del Milan, buon 'Milan-Arsenal' domani! :)
Anche a chi vedrà la partira allo stadio! ;)

 

venerdì 10 febbraio 2012

Artista di strada

All'esimio poeta che, ogni giorno, da qualche giorno, ogni volta che esco di casa, mi ricorda che ama una parte del mio corpo.


GRAZIE.



Se qualcuno ha avuto strani movimenti, il mio suggerimento è: seguire il colore blu.



Per la cronaca, il nome sulla foto l'ho inserito per dimostrare che l'ho effettivamente scattata io la foto, non per vantarmi del soggetto! :)

mercoledì 1 febbraio 2012

Isolamento


La neve cade, soffice e leggera volteggia nell'aria.
Il manto bianco era da tempo desiderato.
Ma l'aria intorno è gelida, soffia aria di malinconia.

Oggi giornata malinconica, non avevo previsto la ventata di tristezza che sarebbe arrivata insieme ai fiocchi bianchi.
E tornare a casa, trovare in bacheca l'aggiornamento di un blog, leggere quel post, sentire proprie quelle parole, sentire aprire uno squarcio dentro... Ha riportato a galla vecchi sensi di colpa.

E mi è tornata in mente una foto scattata l'anno scorso. Un Angelo quasi impercettibile sale le scale, sta andando via, sta per uscire dall'inquadratura. Ma ha lasciato le sue impronte sulla neve, il segno del suo passaggio è visibile, e indelebile.

Dati di scatto
Distanza focale: 30mm
Tempo di esposizione: 25 sec.
Apertura diaframma: f/4.2

martedì 31 gennaio 2012

Quanto costa?

Tempo fa mi ero imbattuta in questo articolo.

E ieri, attraverso il blog di Cristina Insinga , 'approdo' su questo blog che ripropone lo stesso argomento: il valore economico di una fotografia.

Ho sempre pensato: una fotografia in formato digitale si potrà stampare infinite volte, al contrario di un quadro che il pittore dipinge una volta e del quale non ci ne sarà mai una copia esattamente uguale riprodotta dal medesimo artista, e sembra quindi meno preziosa.

Ma da fotografa amatoriale, romantica si, ma NON con tendenze suicide, mi chiedo: come posso dare un valore a determinate MIE foto?

Che valore ha il senso di solitudine di un'altalena vuota?


Che valore ha il senso di angoscia che storpia la realtà?
Che valore ha il desiderio di fuga?




Per quanto mi riguarda, certe foto non hanno prezzo.
Per tutto il resto c'è Mastercard.






giovedì 19 gennaio 2012

Desideri

Gennaio è arrivato da un po' oramai. È  il terzo anno che odio l'arrivo di questo mese, porta sempre una folata di dolorosi ricordi. Ma, infine, ho imparato a sorridere.
Il 2012 ha portato con sé una valanga di tranquillità, buone notizie e un desiderio che sembra essere sempre più vicino.
Il desiderio di qualcosa che, esattamente 3 anni fa, si è sgretolato a 15 metri sotto i miei piedi.
Qualcosa che vedo ovunque, anche dove non c'è realmente: FAMIGLIA.


Ed eccomi quindi decisa a ritrarre la dolce famiglia che è pronta ad accogliere un nuovo arrivo!






Componenti famigliari che metto in posa...



E che non metto in posa (lo giuro!!)!





Ma anche dove non corre lo stesso sangue 'proietto' FAMIGLIA!
Mentre attendevo la fine del 2011, ecco che tre personaggi, sconosciuti tra loro fino a quella sera, giocano spensierati e rientrano nella mia foto alla quale do una composizione 'famigliare': papà, mamma, bambino e bolle di sapone!


Oppure la mia amica gioca tranquillamente, con piccoli dolci bambini, e io pronta a ritrarli con rasoterra!



Infine, concretamente,si veste la bimba come la 'madre'...


E la si porta a spasso! :)



Sabato mi attende una nuova sessione di 'mamma con pancione', l'idea già mi rallegra. 
Nel documentarmi ho trovato questa pagina che segnalo a chi fosse interessato ai ritratti di famiglia, anche della propria.

Repubblica invece ci fa fare quattro risate! :)


E per concludere, un altro ritratto di famiglia che ho scattato l'estate scorsa, tornando a casa dall'isola di Albarella, dopo un servizio fotografico per la copertina di un cd musicale (si va bene, ho voluto precisare per tirarmela =D ) urlando a chi giudava: 'FERMATI! FERMATI! FERMATI!'